tradurre in:

e voi, i miei amici ultima chiamata!
Così si piangono, salvato la vita.
Oltre la memoria non è styt salice piangente,
Un urlo al mondo intero tutti i nomi!
Perché i nomi di là! – calendario sbattendo;
E tutte le ginocchia! – viola chiaro inondato,
file ordinate tenute Leningrado,
Vivere con i morti. Per Dio non è morto.
agosto 1942
Dyurmen

I più letti poesie di Anna Achmatova


Tutte le poesie di Anna Achmatova

lascia un commento