Come hai potuto, forte e libera…

Come hai potuto, forte e libera,
Dimenticate alle ginocchia di gara,
Il peccato originale vengono puniti
Distruzione e decadimento.

Perché l'hai lasciata sul divertimento
Tutto il mistero di giorni miracolosi,
Sarà sfatare la tua gloria
Carnivora la mano.

cui vergognarsi, e il dolore creativo
Non la terra moglie falena.
Questi monasteri sono stati esiliati
E gli incendi bruciavano alta.

Vota:
( 1 valutazione, media 2 a partire dal 5 )
condividi con i tuoi amici:
Anna Akhmatova
Aggiungi un commento