Luna al suo zenit

1
dormire in difficoltà,
svegliarsi in amore,
Увидеть, Come ornamento papavero.
qualche potere
ora parte
Nel vostro santuario, buio!
patio Mangalochy,
Fumo tuo amaro
E come il vostro alto pioppo…
Scheherazade
Andando da ora…
Allora, cosa stai, Oriente!
aprile 1942

2
Se lo spazio di Leningrado terribile
O con un beato campi leteyskih
Mi hai mandato questo fresco,
recinzione pioppi decorato
E miriadi di stelle aziyskih
Io stesi sopra il mio dolore?
marzo 1942

3
Tutto tornerà a me:
La notte rovente e vessazione
(Come l'Asia sogno delirante),
Halima usignolo che canta,
E narcisi in fiore biblici,
E la benedizione invisibile
Breeze Paese shelestnet.
10 dicembre 1943

4
E nella memoria, come in uno stile modellato:
Grigio sorriso bocca onnisciente,
Grave pieghe nobili suo turbante
E il nano regale – cespuglio melograno
16 marzo 1944

5
Terzo incontro di primavera via
da Leningrado.
terzo? E mi sembra, esso
durerà.
Ma non dimenticate, non sarò mai,
Prima che l'ora della morte,
Come gratificante per me era il suono dell'acqua
All'ombra del legno.
fiori di pesco, viole e fumo
Tutti incenso.
Chi devo il coraggio di dire, qui
Io sono in una terra straniera?!
1944-1955

6
Non sono stato qui per settecento anni,
Ma nulla è cambiato…
Ancora versando la misericordia di Dio
Con altezze indiscutibili,

Tutti gli stessi cori di stelle e acqua,
Tutti gli stessi volta del cielo nero,
E proprio come il vento porta il grano,
E la stessa canzone a sua madre cantava.

è durevole, aziysky casa mia,
E non c'è bisogno di preoccuparsi…
ancora arrivato. Fleur, recinto,
se è pieno, stagno puro.
5 Maggio 1944

7. Il fenomeno della luna
la. K.
Madreperla e agata,
Di vetro fumé,
Così improvvisamente di traverso
E così solennemente galleggiava, –
come “Moonlight Sonata”
Abbiamo appena attraversato la strada.
25 settembre 1944

8
Come trapeznoy – panchine, tavolo, finestra
Con un enorme luna d'argento.
Beviamo caffè e vino nero,
Noi rave music…
ugualmente…
E ramo fiorito oltre il muro.
In esilio, la dolcezza era tagliente,
unicamente, forse, dolcezza.
Immortals rose, uva secca
Abbiamo dato rifugio natale.
1943
Tashkent

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Anna Akhmatova
Aggiungi un commento