L'ultima poesia

uno, se qualcuno tuoni travagliata,
Con il respiro della vita irrompe in casa,
ride, nel trepeschet gola,
e cerchiato, e rukopleŝet.

altro, nei rodyas mezzanotte silenzio,
Non so dove mi rubato,
Dallo specchio appare vuota
E borbotta qualcosa severamente.

E ci sono: in pieno giorno,
Quasi come se non mi ha visto,
Getti di carta bianca,
Come fonte pura in burrone.

Ed ecco un altro: si blocca segrete intorno –
Non un suono e il colore, nessun colore e nessun suono. –
granito, cambiamento, venti,
E nelle mani dei vivi non è dato.

ma è!.. Una goccia di sangue bevuto,
Da giovane ragazza arrabbiata – amore,
e, Non ho detto una parola,
Il silenzio è diventato di nuovo.

E sapevo crudele guai.
ha preso, marchi e Stretch
Per alcuni lembo estremo,
E sto morendo senza di lui ....
1 dicembre 1959
Leningrad
Krasnaya Cavalleria

Vota:
( 1 valutazione, media 5 a partire dal 5 )
condividi con i tuoi amici:
Anna Akhmatova
Aggiungi un commento